SUICIDIO DI UN RECLUSO: I PARENTI HANNO DIRITTO AL RISARCIMENTO POICHE’ “L’AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DEVE SALVAGUARDARE L’INCOLUMITA’ DELLA PERSONA”

SUICIDIO DI UN RECLUSO: I PARENTI HANNO DIRITTO AL RISARCIMENTO POICHE’ “L’AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DEVE SALVAGUARDARE L’INCOLUMITA’ DELLA PERSONA”

Il Tribunale di Milano ha condannato il Ministero di Grazia e Giustizia ad un risarcimento di € 150.000,00 a favore degli eredi di un giovane che si è ucciso in carcere inalando il gas di una bomboletta acquistata presso lo spaccio dell’istituto. L’amministrazione penitenziaria essendo titolare del potere sul corpo del soggetto affidatole deve altresì...

Leggi di più