28 APRILE: GIORNATA MONDIALE DELLE VITTIME DI AMIANTO

Lo Studio Legale Frisani vuole esprimere vicinanza a tutte le vittime di amianto ed ai loro familiari.

È necessario fare ancora molto per impedire che la presenza di amianto – soprattutto nei luoghi di lavoro – produca ulteriori danni e vittime.

Secondo l’OMS si stimano almeno 125 milioni di lavoratori esposti e 100 mila morti di cui 6 mila solo in Italia. Il picco di patologie correlate all’amianto è previsto intorno al 2025.

L’eliminazione delle malattie correlate all’amianto, secondo l’Oms, dovrebbe avvenire attraverso l’interruzione dell’uso di tutti i tipi di amianto, la sostituzione dell’amianto con sostituti più sicuri, l’adozione di misure per prevenire l’esposizione all’amianto e durante la sua rimozione (abbattimento) nonché migliorando la diagnosi precoce, il trattamento, la riabilitazione sociale e medica delle malattie legate all’amianto e creando registri di persone con esposizioni passate e / o correnti all’amianto.

Il consiglio è, dunque, quello di fare informazione sul tema, in ultima istanza anche in relazione azioni legali che è possibile intraprendere nei confronti dei datori di lavoro che avrebbero dovuto tutelare la salute dei propri lavoratori.

Avv. Elisa Ferrarello

Studio Legale Frisani