La lentezza della giustizia italiana in relazione alla durata dei processi civili, penali, amministrativi e tributari è un dato, purtroppo, ormai noto. Una situazione così drammatica da spingere la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo a condannare lo Stato Italiano a corrispondere risarcimenti per violazione della ragionevole durata del processo in quasi il 100% dei casi.

La Legge n. 89 del 24/03/2001, o Legge Pinto, ha introdotto, in Italia, il diritto al risarcimento del danno per eccessiva durata dei processi (equa riparazione). La tutela giuridica nei casi di violazione del termine ragionevole di un processo consente di valutare e condannare a un’equa riparazione l’Amministrazione Pubblica. Uno strumento efficace contro gli estenuanti tempi della Giustizia.
Questa legge è la risposta effettiva agli esasperanti tempi processuali e prevede il diritto a un’equa riparazione del danno (patrimoniale e non patrimoniale) per tutti coloro che hanno subito un processo di durata eccessiva.

IL DIRITTO A UN ADEGUATO RISARCIMENTO PER UN’ECCESSIVA DURATA DEL PROCESSO

Ogni cittadino che ha subito un giudizio (di Primo Grado, di Appello o di Cassazione) di durata eccessiva può richiedere il risarcimento del danno per eccessiva durata del processo entro sei mesi dalla conclusione dello stesso (dal momento in cui la sentenza è divenuta definitiva).
Secondo la Legge 89/2001 – che ha fatto propri i parametri individuati dalla CEDU – si considera rispettato il termine ragionevole di durata se il processo non eccede la durata di tre anni in primo grado, di due anni in secondo grado, di un anno nel giudizio di legittimità. Quando il Giudizio supera le tempistiche individuate dalla Legge scatta il diritto al risarcimento del danno.

Il ricorso deve essere depositato entro sei mesi dal giorno in cui il giudizio è stato concluso: più precisamente, dal momento in cui la sentenza è divenuta definitiva.

L’equa riparazione prevede il risarcimento di danni sia patrimoniali che non patrimoniali:

In relazione ai primi, occorre dimostrare che il lungo iter processuale, di cui si lamenti l’eccessiva durata, abbia causato specifici danni al patrimonio (ad esempio, la perdita di reddito, ovvero l’impossibilità di acquisire proventi).

Per quanto riguarda, invece, i danni non patrimoniali, la Corte di Cassazione si è adeguata alla giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, la quale conferma che, in tema di equa riparazione, “ai sensi dell’art. 2, della Legge 24 marzo 2001, n. 89, il danno non patrimoniale è conseguenza normale, ancorché non automatica e necessaria, della violazione del diritto alla ragionevole durata del processo, di cui all’art. 6 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali”.
In sintesi: poiché il danno non patrimoniale costituisce una conseguenza della violazione, è normale che l’irragionevole lunghezza di un processo produca, nella parte coinvolta, afflizioni, ansie, sofferenze morali che non occorre dimostrare. Le conseguenze non patrimoniali, quindi, possono ritenersi presenti senza il bisogno di alcuna prova relativa al singolo caso.

La Legge 89/2001 stabilisce che il giudice liquida a titolo di equa riparazione una somma di denaro non inferiore a euro 400 e non superiore a euro 800 per ciascun anno, o frazione di anno superiore a sei mesi, che eccede il termine ragionevole di durata del processo prima individuati.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

I dati comunicati tramite il presente modulo di iscrizione al sito "www.studiofrisani.com" verranno considerati riservati, non verranno distribuiti o comunicati a terzi, verranno utilizzati esclusivamente per comunicazioni riguardanti la fornitura di servizi da parte dello Studio Legale Frisani, e verranno trattati in conformità a quanto disposto dalla D.Lgs 196/03.
ACCETTO TRATTAMENTO DATI PERSONALI*