LE CELLE DEVONO GARANTIRE TRE METRI DI SPAZIO EFFETTIVO PER OGNI DETENUTO

La Corte di Cassazione con la pronuncia n. 8568 del 26 febbraio 2015 ha confermato i principi già dettati dalla CEDU nella sentenza Torregiani, secondo i quali ad ogni recluso devono essere garantiti 3 metri quadrati di spazio al netto di mobilia e servizi igienici. Infatti il Ministero della Giustizia nelle sue difese contro i ricorsi presentati da migliaia di detenuti per i trattamenti inumani e degradanti subiti ha sostenuto che il suddetto paramentro individuato dalla CEDU sia solo frutto di una elaborazione giurisprudenziale che lascia comunque libero il Giudice nazionale di valutare lo stesso in maniera diversa e, che, comunque i tre metri quadrati vadano considerati comprensivi di mobili e servizi igienici.

La Corte di Cassazione invece citando la sentenza Torregiani ha posto fine a questa interpretazione errata della Convenzione europea dei diritti dell’uomo ribadendo che i tre quadrati devono essere effettivi.

Una sentenza che garantisce a chi vive una situazione di restrizione delle libertà personale un’esistenza più dignitosa e rispettosa dei più elementari diritti umani.

Lo studio legale Frisani anche alla luce di questi principi  continuerà quindi il suo importante lavoro per la tutela di chi ha subito una detenzione carceraria inumana e degradante.